mattcorbyusa:

"To be free is something that I would really love. And I don’t know what that means, but I think a lot of people are in search of it, in some capacity. It doesn’t mean being free and living in the wilderness, it just means like, you know, introspectively and what you, sort of, exude- you know what I mean? It’s kind of an amazing thing. And I’ve met people that I feel like they’re free. And I guess they present themselves that way. It’s really special, and it affects so many people around them. And I’d love to get to that point one day, where I’m totally in control of who I am as a person, and in that way I can help others… It’s kind of a crazy emotional journey that everyone has to go on, and I guess music is my avenue to discovering it."

- Matt Corby everybody

hirxeth:

“I never thought about how important the sky was until I didn’t have one.” 

Across the universe (2007) dir. Julie Taymor

rachapun:

Edinburgh, Scotland

cantess:

ff. by vestido-cinza on Flickr.

(via yonderrly)

ouieed:

This is the most perfect setting

(Source: ma-arie, via alishahayliee)

lascia parlare gli altri. non essere mai supponente, non mettere loro in bocca parole che non appartengono loro. mai. potrebbero avere da dire cose di un’importanza che neanche immagini. al mondo sono tante le cose che vengono urlate a squarciagola con gli slogan e proclamati con la retorica, ma le più profonde e delicate verità sono troppo spesso pronunciate con pacata incertezza, sepolte dall’arroganza, dalla presunzione e dai pregiudizi di tutti noi. quando hai qualcosa di importante che non sai come dire, non ti aiuta avere qualcuno che crede di sapere quello che pensi e che invece non ne a la più pallida idea, a rimbeccarti.siamo uomini che da millenni si interrogano sul senso della propria esistenza, che per darsi una risposta a cui aggrapparsi disperatamente, si barricano nelle proprie ragioni, si scagliano contro quelle opposte nella sanguinosa battaglia per prevalere sugli altri. ci gettiamo su un piatto della bilancia, spezziamo l’equilibrio, incuranti, facendo rovesciare sugli altri il nostro odio e le nostre fristrazioni, incuranti delle sfumature infinitesimali dell’universo… siamo una specie che non sa vedere una risposta nelle sfumature, vogliamo le tinte forti, decise, inconfutabili quanto un paradosso, e ciechi al confronto, incontaminabili. bianco e nero. buono e cattivo. giusto e sbagliato. siamo tanto impegnati nella gara a stabilire quale sia il male minore, che abbiamo smesso di cercare il vero bene che sta nelle cose.

l’ormai familiare sensazione del momento in cui realizzi che sei passata dall’essere ancora in pigiama, all’essere già in pigiama.
vai così.

deadandstreet:

Eric Hutchinson - Rock & Roll

Enjoy folks.